compagno

Fornaro: in Piemonte non è finita, c’è tempo per l’accordo

Tommaso Rodano - Il Fatto quotidiano
Picture of Mario Rossi - La Repubblica

Mario Rossi - La Repubblica

Lorem ipsum dolor sit amet consectetur adipiscing elit dolor

Intervista a Il Fatto quotidiano

di Tommaso Rodano

“Penso che sia una buona notizia, era necessario trovare un nome e uno spirito unitario”. Il deputato del Pd Federico Fornaro saluta con un sospiro di sollievo l’accordo di coalizione in Basilicata. “Bisogna provare ad ampliare la coalizione fino alla fine e credo che l’intesa su un nome condiviso ci permetterà di giocare la partita fino in fondo anche in questa Regione”.

L’accordo è arrivato davvero all’ultima curva e dopo giorni di polemiche. È davvero così difficile programmare il percorso comune tra Pd e Cinque Stelle?

In tutte queste trattative il Pd ha sempre espresso la ricerca dell’unità e anche della migliore personalità in grado di guidare la coalizione, è stato così con la Todde in Sardegna e con D’Amico in Abruzzo.

In Piemonte non è andata proprio così. Cosa è successo?

Non è successo niente. La candidatura di Gianna Pentenero ha uno spirito unitario e non è da interpretare come un atto di scortesia nei confronti degli alleati. Noi vogliamo incontrare al più presto sia i Cinque Stelle che i centristi, il Pd si mette a disposizione della coalizione di centrosinistra.

Per il Movimento la scelta autonoma della candidata dem è il contrario del dialogo.

Io credo che in questa fase, se si vogliono fare gli accordi, occorra mettere in campo spirito unitario e disponibilità. Se ci si siede a un tavolo con questo spirito si possono trovare i punti d’incontro. Fino ad oggi in Piemonte lo spirito che ha guidato il Movimento mi è parso un altro. Ma ripeto: sono convinto che nelle prossime ore ci si possa incontrare, perché Pentenero è una personalità autorevole, competente, che conosce il Piemonte, può essere un ottimo punto di sintesi e può mettere in difficoltà il centrodestra.

L’accordo in extremis in Basilicata dimostra che comunque la priorità politica di lungo periodo è mantenere il rapporto con i Cinque Stelle?

Sì, il rapporto deve essere conservato assolutamente. Se non altro per una ragione pratica: i sistemi elettorali a turno unico disegnano e influenzano l’offerta politica; nelle elezioni a turno unico o fai un’alleanza oppure parti già sconfitto, a meno di miracoli. Se si va divisi – contro una destra che nonostante tutto ha capito questa lezione – non si fa strada. Il punto è questo. Bisogna avere lo spirito per cercare e trovare un accordo. Non bisogna puntare sugli elementi di divisione per mettere in difficoltà il tuo potenziale alleato. Servono spirito unitario e generosità, sono due ingredienti che dobbiamo mettere tutti.

Lavoro e democrazia. Per una legge sulla rappresentanza.

Il 25 novembre si è tenuta a Roma la prima iniziativa di Compagno è il Mondo. Sono intervenuti tra gli altri: Pier Luigi Bersani, Maria Cecilia Guerra, Elly Schlein, Arturo Scotto, Michael Braun, Cristian Ferrari, Michele Raitano, Alessandra Raffi.
VIDEO

SOCIAL

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons
Copertina per Articolo Uno
Articolo Uno

Articolo Uno

37,849

Articolo Uno è anche
su Twitter: @articoloUnoMDP
su Youtube https://www.youtube.com/channel/UCRL6RxUdp78HEOPPW46tIgg

🌹Image attachment

🌹 ... Vedi altroVedi meno

1 week ago

4 CommentiComment on Facebook

Sì, anche Lui manca tantissimo ♥️

Un ricordo sentito

Carica altro

RASSEGNA