compagno

Scotto: la tecnologia digitale impone la riduzione dell’orario di lavoro

Arturo Scotto - Il Fatto quotidiano
Picture of Mario Rossi - La Repubblica

Mario Rossi - La Repubblica

Lorem ipsum dolor sit amet consectetur adipiscing elit dolor

Pubblicato su Il Fatto quotidiano

di Arturo Scotto

Non c’è mai stata nessuna rivoluzione industriale che non avesse come conseguenza naturale una riduzione dell’orario di lavoro. Pensare di affrontare lo sconvolgimento tecnologico che attraversa il capitalismo attuale senza una riflessione sui tempi di vita e di produzione sarebbe come vivere su Marte.

Non vi è dubbio che ormai esistano sperimentazioni più diffuse di quelle che conosciamo: Banca Intesa Sanpaolo è partita a gennaio, la multinazionale Mondelez International, che controlla i marchi Oro Saiwa, Oreo, Toblerone, Milka, Fattoria Orsella, Sottilette e Philadelphia, ha scelto di seguire anche in Italia la linea intrapresa in Belgio. Tutte sperimentano la settimana corta come gli ultimi accordi in Luxottica e Lamborghini.

Il dato che colpisce è uno: nonostante le ore lavorate nel nostro paese siano più di trecento rispetto alla media europea questo non incide sui dati della produttività, anzi è probabilmente causa di una delle produttività più basse in Europa. La sfida della riduzione dell’orario di lavoro ha dunque una triplice portata: aiutare l’innovazione del sistema produttivo, liberare il tempo di vita, ridurre l’impatto delle emissioni. Pensiamo solo a quest’ultimo aspetto: la settimana corta significa anche meno inquinamento, sia nella produzione che nella mobilità, significa rivisitazione degli orari delle città, signifca liberare spazio per attività familiari, sociali e culturali.

La nostra proposta vuole aiutare questo passaggio, vuole governare la transizione anziché subirla. Se non governata, l’intelligenza artificiale combinata alla transizione ecologica e digitale genera inevitabilmente, nell’immediato, una contrazione dei posti di lavoro.

Il Fondo nuove competenze, cofinanziato dal Fondo sociale europeo, va allargato alla sperimentazione della riduzione dell’orario di lavoro a parità di salario. Questo fondo ha come scopo fondamentale quello di aiutare la contrattazione collettiva nazionale a promuovere sperimentazioni della settimana corta.

I sindacati metalmeccanici nella piattaforma unitaria per il rinnovo del contratto di un milione e mezzo di lavoratori e di lavoratrici hanno introdotto l’obiettivo delle 35 ore a parità di salario. Non era mai accaduto e dà il senso di quanto questa sfida rappresenti uno spartiacque tra passato e futuro. Noi siamo pronti a raccoglierla e ad aprire una discussione in tutto il Paese e in Parlamento. Il governo si confronti senza pregiudizi.

Lavoro e democrazia. Per una legge sulla rappresentanza.

Il 25 novembre si è tenuta a Roma la prima iniziativa di Compagno è il Mondo. Sono intervenuti tra gli altri: Pier Luigi Bersani, Maria Cecilia Guerra, Elly Schlein, Arturo Scotto, Michael Braun, Cristian Ferrari, Michele Raitano, Alessandra Raffi.
VIDEO

SOCIAL

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons
Copertina per Articolo Uno
Articolo Uno

Articolo Uno

37,849

Articolo Uno è anche
su Twitter: @articoloUnoMDP
su Youtube https://www.youtube.com/channel/UCRL6RxUdp78HEOPPW46tIgg

🌹Image attachment

🌹 ... Vedi altroVedi meno

1 week ago

4 CommentiComment on Facebook

Sì, anche Lui manca tantissimo ♥️

Un ricordo sentito

Carica altro

RASSEGNA